Home

Un “posto occupato” per CarLotta

Il Centro Antiviolenza di Trama di Terre, in avvicinamento alla Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre, giornata per la quale promuove "Lo sciopero delle donne", ha ideato una nuova iniziativa che è già in corso in alcuni luoghi della città: "CarLotta rEsiste".

(per continuare a leggere clicca sul titolo)

FERMIAMO L'INFORMAZIONE MALATA, C/STAMPA ALLA FNSI (ROMA)

Il giro di prostituzione minorile emerso nella Capitale con la vicenda "baby squillo", ossia adolescenti che da giorni sono protagoniste della cronaca morbosa di larga parte della stampa, impone una riflessione. Servizi, immagini e notizie al limite del diritto di informazione e rispetto dell'immagine e della dignità delle/dei minori. Una violazione delle leggi e dei regolamenti deontologici della professione giornalistica che sanciscono la protezione nei media delle/dei minori e delle/degli adolescenti. Un'informazione malata non più tollerabile e che va sanzionata. L'analisi quotidiana de "L'osservatorio Tg" fatta nei sette notiziari e nei programmi di approfondimento e/o intrattenimento della tivù pubblica e privata, denuncia il racconto di una cronaca morbosa. L'analisi quotidiana fatta da "L'osservatorio Tg" nei sette notiziari e nei programmi di approfondimento e/o intrattenimento della tivù pubblica e privata, denuncia il racconto di una cronaca pruriginosa.

L'iniziativa de L'OSSERVATORIO TG e L'ORO DELLE DONNE, assieme a molte altre associazioni che hanno aderito per fermare lo scempio, ne discuteranno domani mercoledì 20 novembre "Giornata Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza" nella sede della Fnsi, Federazione Nazionale della Stampa Corso Vittorio 349-Roma alle ore 15. Presenti associazioni del mondo della comunicazione e della società civile che si incontrano con l’obiettivo di supportare le iniziative dell’Autorità Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza, le cui proteste e appelli sono a oggi rimasti inascoltati.

Interventi
Garante Spadafora,
Articolo21liberidi,
Osservatorio Quotidiano dei Tg,
Se non ora quando-Factory,
L'Oro delle Donne,
Stampa Romana,
Sciopero delle Donne
Ordine degli Assistenti Sociali

 

 

 

Cgil Toscana, tutte insieme vogliamo dire BASTA!

Il Coordinamento Donne della CGIL Toscana aderisce allo SCIOPERO DELLE DONNE

Il 25 Novembre contro la violenza sulle donne

Quante donne ancora? Quante storie spezzate, vite finite nella violenza aberrante del femminicidio? La strage quotidiana delle donne, la violenza, le molestie, i ricatti, le aggressioni, fino all'estremo conseguenza, sono un'emergenza irrimandabile.

Le donne della CGIL e la CGIL TUTTA sono impegnate fortemente su questo tema: tutti insieme vogliamo dire BASTA!

Abbiamo provato a declinare il significato del termine violenza in tutte le sue manifestazioni, perchè capire è il primo passo sulla strada della soluzione del problema, per dare dignità alle donne vittime, per dare loro una voce e una via d’uscita.

Vogliamo sensibilizzare, spostare il piano culturale dell'idea di violenza e prevenire prima che sia troppo tardi. Per questo ci servono alleanze con tutti coloro che hanno impegno, responsabilità e voglia di cambiare "l'ineluttabile", a partire da ognuno di noi.

Cambiamo il nostro sguardo per cambiare il destino di tante di noi!...(per continuare a leggere clicca sul titolo)

PerLeDonne (e le bambine), a Imola

Leggi tutto...

Martina Franca, alziamo la testa contro il femminicidio

Ogni giorno, purtroppo, facciamo i conti con la parola “femminicidio” intendendo  la forma estrema di violenza di genere, ossia l’uccisione di donne in quanto donne, fenomeno drammatico che rappresenta solo la punta dell’iceberg di una violenza molto diffusa, agita in varie forme, che  colpisce a livello planetario il genere femminile. Non è più possibile tollerare tanta violenza. Bisogna agire.
senza il rispetto per noi  donne e per il nostro corpo non c’è società che tenga. La rabbia e il dolore, lo sconforto e l’indignazione, la denuncia e la consapevolezza, hanno bisogno di un gesto forte. Di un gesto fatto insieme, tante e tanti, per continuare l’urlo del 14 febbraio 2013 di piazza Maria Immacolata sotto la pioggia, per portarlo fino al 14 febbraio 2014 quando insieme balleremo e urleremo perché sia fatta giustizia a tante donne che continuano a morire a causa della violenza maschile.
La lotta alla violenza di genere deve essere un impegno per tutti, donne e uomini.
TUTTE e TUTTI  insieme con un foulard rosso,
in Piazza Roma a Martina Franca alle ore 17,30 per dire
NO AL FEMMINICIDIO
I negozianti potranno aderire esponendo una coccarda rossa. Chi non può scendere in piazza può esporre dal balcone un lenzuolo o una tovaglia rossa….un gesto e un colore simbolico per rappresentare l’energia collettiva, la forza di chi alza la testa, di chi grida forte il proprio dissenso, di chi si ribella ad ogni forma di violenza, di chi si impegna per dire BASTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE.
Centro AntiViolenza - Rompiamo il silenzio
Associazione SUD EST DONNE
Martina Franca (Ta)
www.sudestdonne.it

Secretary.it, aderiamo da tutta Italia

Desideriamo comunicare l’adesione allo sciopero del 25 novembre a nome di tutta la community di assistenti di direzione Secretary.it (siamo oltre 8.000 iscritte in tutta Italia - www.secretary.it). Abbiamo pubblicato sul nostro sito una pagina dedicata (http://www.secretary.it/25-novembre-2013) e a giorni invieremo una email con le indicazioni per sottoscrivere personalmente l’appello. Chiara Ceriani, REDAZIONE SECRETARY.IT, Secretary.it S.r.l., Piazza Sant'Agostino, 2 -20123 Milano, tel. 02 37059166

Prendiamo esempio...

Da Bologna riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Care tutte,

giovedì Maria Grazia ed io abbiamo fatto il giro dei negozi del centro da via D'Azeglio a via Ugo Bassi e dintorni, abbiamo privilegiato i negozi gestiti da donne. Buona accoglienza al 99% e molta rispondenza, molte donne si sono dichiarate disponibili ad esporre volantini e drappi o nastri rossi, più difficile la situazione per le dipendenti che dovranno chiedere il permesso ai padroni o padrone dei negozi...Per quanto riguarda venerdì, abbiamo distribuito volantini in gran quantità, molta rispondenza, molte donne ci hanno raccontato di iniziative varie che hanno in mente per lunedì 25 novembre, noi abbiamo sottolineato l'importanza di dotarsi di qualcosa di rosso che è il colore che caratterizza lo "Sciopero delle donne". Molta fantasia, molte si sono prese volantini da distribuire e comunque pochissime erano completamente all'oscuro dell'iniziativa. Molto buono l'intervento di Angela Romanin che ha parlato della violenza maschile sulle donne invitando i maschi a prendere coscienza di questa situazione e a dare il loro autonomo contributo a liberarci della cultura maschilista e patriarcale che sottende al femminicidio in tutti i suoi aspetti. Ha parlato esplicitamente dello sciopero. Resta moltissimo da fare ma non c'è bisogno di dirlo: siamo tutte impegnate a lavorare per il 25 novembre!
Patricia (scioperodonne.women.it)

L'ASSOCIAZIONE STAMPA ROMANA ADERISCE AL NOSTRO APPELLO

L’Associazione stampa romana e la Commissione pari opportunità dell’Asr aderiscono all’appello dello “Sciopero delle donne” per la mobilitazione del 25 novembre 2013 in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. L’Asr e la Cpo invitano le colleghe e i colleghi a dare il massimo risalto all’iniziativa per fermare la cultura della violenza,  nonché a dedicare il loro lavoro a una corretta e completa informazione sui casi di femminicidio, stalking, violenza su donne e bambini, quali segni di una cultura patriarcale e sessista. E  per restituire, proprio attraverso una completa e corretta informazione, una rappresentazione veritiera e non stereotipata della figura femminile nella sua giusta collocazione sociale con pari dignità e rilievo rispetto a quella maschile.

 

Sesto Fiorentino, ballo di gruppo per dire Basta!

In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, indetta per il 25 novembre, Il Comune di Sesto Fiorentino- Consulta comunale pari opportunità insieme alle associazioni del territorio ha deciso di ribadire il suo impegno su queste tematiche organizzando un flash mob per le vie del centro cittadino. In particolare la giornata sarà strutturata come segue: a partire dalle 17 le persone che vorranno aderire all'iniziativa di protesta per dire BASTA al femminicidio dovranno trovarsi in piazza Ginori da dove alle 17.30 partirà la manifestazione che consisterà in un ballo di gruppo sulla scia di una coreografia studiata per l'occasione dal coreografo Rodolfo Banchelli. La coreografia si ripeterà in altri due punti della città (ore 17.45 in via Cavallotti e alle ore 18 in piazza Vittorio Veneto).Inoltre alle 18.30 nel loggiato del palazzo comunale in piazza Vittorio Veneto si terrà un flash writing mob, ovvero chiunque potrà scrivere un messaggio sul tema della violenza contro le donne, a cura del Coordinamento donne Spi Cgil di Sesto Fiorentino.      Infine alle 21 al Teatro della Limonaia (via Gramsci 426) è in programma l'iniziativa Amare da morire: letture sceniche al femminile con contributi multimediali e musica live a cura del Liceo Linguistico dell'IISS P.Calamandrei di Sesto Fiorentino.Per chi vorrà imparare la coreografia alla base del flash mob sarà possibile incontrarsi tutti insieme con Rodolfo Banchelli presso la sala riunione Area Direzione (zona uffici), del Centro Sesto di via Petrosa (1^ piano, si accede dalla vetrata che si trova all'esterno fra l'ingresso dell'OBI e l'ingresso della porta Ovest della Coop): martedì 19 novembre dalle 19.30 alle 20.30 e domenica 24 novembre dalle 11 alle 12.  Di seguito il link al video con la coreografia: http://www.youtube.com/watch?v=3r3YHO8NqEk. Per informazioni è possibile consultare anche la pagina Facebook del Comune di Sesto Fiorentino  Partecipate numerosi e fate partecipare! Occorre l'impegno di tutti per dire BASTA alla violenza sulle donne.

Segreteria Consulta comunale Pari Opportunità
UOA Ufficio di Gabinetto, controllo partecipate e monitoraggio strategico
Comune di Sesto Fiorentino, Piazza Vittorio Veneto 1
 fax 055/3909074

Uomini sui tacchi a spillo a Rimini per il 25 Novembre

"Non si può davvero capire l'esperienza di un'altra persona prima di aver percorso un miglio nelle sue scarpe". In questo sciopero abbiamo deciso di coinvolgere principalmente gli uomini, fornendo loro la possibilità, con ironia, di 'vedere il punto di vista femminile camminando sopra un paio di tacchi'. Rigorosamente Rossi. La prima adesione è arrivata dal Presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali, al quale sono già state donate le scarpe da 'Valleverde', a seguire Graziano Urbinati, Segretario Generale CGIL Rimini e via via molti altri, noti e meno noti. L'appuntamento è per il 25 novembre alle ore 17,30 in Piazza Cavour a Rimini, dove verrà allestito un piccolo set fotografico. I risultati di questa 'camminata sui tacchi' saranno esposti il 7 – 8 dicembre presso lo spazio 'Gate' dell'Associazione 'Cambia-Menti' che aderisce all'iniziativa. INVITIAMO, inoltre, ad esporre lenzuola, tovaglie o pezzi di stoffa rossi esposti dai balconi e/o dalle finestre... La nostra citta' il 25 novembre dovrà essere ROSSA.

Centro Antiviolenza 'Rompi il silenzio' di Rimini.

L'Appello

Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza 

Pensavamo che l'uccisione di Fabiana, bruciata viva dal fidanzato sedicenne, esprimesse un punto di non ritorno. Invece no. L'insulto che è stato rivolto alla ministra Cécile Kyenge – da un'altra donna – dice molto più di quanto non vogliamo ammettere. E di fronte ad una violenza verbale simile, non ci sono scuse o giustificazioni che tengano. Noi non siamo mai state silenziose, abbiamo sempre denunciato questi fatti, le violenze fisiche e quelle verbali. Ma non basta. Leggi

Newsletter

banner anarkikka

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito