I Nostri Articoli

Il suo ex l'ha uccisa, a Palermo. Dov'era lo Stato quando lei lo denunciava per violenza?

di Adriana Terzo

Da anni Rosy Bonanno, 26 anni, uccisa questa mattina dal suo ex a coltellate davanti al figlioletto, denunciava minacce e violenze da parte di Benedetto Conti. Lo sfogo della madre. ""Ora che mia figlia e' morta siete venuti tutti. Ma per due anni no, per due anni di denunce no". 

Palermo, 10 lug – Un altro femminicidio, ieri a Pavia, oggi a Palermo. Da circa due anni Rosy Bonanno, la giovane donna uccisa dall'ex convivente a coltellate, davanti al figlio di 2 anni, denunciava minacce e violenze nei propri confronti da parte dell'uomo, Benedetto Conti, 36 anni. Piu' volte era stato denunciato alle forze di polizia.

Stamani, approfittando dell'assenza dei genitori della donna, l'uomo si e' recato nell'abitazione in cui Rosy Bonanno viveva insieme ai genitori e al figlioletto in via Occhiuta, e l'ha uccisa a coltellate davanti al piccolo. Poi e' scappato. Gli investigatori lo hanno rintracciato e fermato a Villabate. L'uomo aveva ingerito del veleno per topi per suicidarsi e gli agenti lo hanno accompagnato al pronto soccorso per una lavanda gastrica. Le sue condizioni non sono gravi. A scoprire il cadavere della donna e' stato il padre, rientrando nell'appartamento.

"Ora che mia figlia e' morta siete venuti tutti. Ma per due anni no, per due anni di denunce no. E ora mia figlia e' morta. L'avete tutti sulla coscienza. Questa non e' giustizia, lui avrebbero dovuto rinchiuderlo". Questo lo sfogo disperato della madre di Rosy. La donna piange davanti alla sua abitazione di via Occhiuta, dove la figlia era tornata a vivere e dov'e' stata assassinata a coltellate. Racconta che Conti si era mostrato violento anche durante la convivenza, e che era stato denunciato ripetutamente alle forze di polizia. Una zia della vittima afferma che Rosy lo aveva denunciato anche per violenza sessuale.

 

La coppia si era separata da gennaio, "perche' mia figlia era in pericolo", afferma la madre di Rosy Bonanno, e ricorda una serie di intimidazioni e violenze: "Ci hanno bruciato la macchina, ci hanno rotto il vetro, ci hanno lasciato una bottiglia di benzina dietro la porta con i fiammiferi, ci hanno insultato per telefono". Secondo la madre, i servizi sociali stavano valutando se trasferire in una comunita' Rosy e il bambino, per proteggerli: "Ma se dovevano proteggerli, dovevano rinchiudere lui, non mia figlia", grida la madre, che in preda a una forte agitazione e' stata poi soccorsa da personale del 118.
[Adriana Terzo]

Condividi

L'Appello

Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza 

Pensavamo che l'uccisione di Fabiana, bruciata viva dal fidanzato sedicenne, esprimesse un punto di non ritorno. Invece no. L'insulto che è stato rivolto alla ministra Cécile Kyenge – da un'altra donna – dice molto più di quanto non vogliamo ammettere. E di fronte ad una violenza verbale simile, non ci sono scuse o giustificazioni che tengano. Noi non siamo mai state silenziose, abbiamo sempre denunciato questi fatti, le violenze fisiche e quelle verbali. Ma non basta. Leggi

banner anarkikka

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito