Home

SE L'OMICIDIO-SUICIDIO SI CHIAMA FEMICIDIO

casadonne.jpgCoordinamento dei Centri antiviolenza dell'Emilia-Romagna

La donna uccisa a Cattolica nella lunga lista di donne uccise dalla violenza maschile.

Quando Ivana Intilla è stata ritrovata senza vita insieme al marito nella sua casa di Cattolica, i giornali hanno subito titolato "caso di omicidio-suicidio". Questa tragedia, però, un nome ce l'ha già ed è femicidio. Come tante altre donne in Italia (sono state 134 nel 2013, stando ai dati provvisori raccolti dalla Casa delle donne di Bologna), Ivana non è stata "uccisa dalla gelosia", come hanno scritto, ma dalla violenza del suo compagno.
Una violenza che di solito si sviluppa e cresce nel corso di mesi e anni. Poi sfocia nell'epilogo della morte violenta della donna e a volte, come in questo caso, nel suicidio dell'uomo. Decine e decine di storie seguono le stesse, tragiche fasi. Il partner violento, incapace di riconoscere autonomia e libertà alla propria compagna, si rivela spesso incapace di affrontare le conseguenze del suo gesto e rivolge la violenza anche contro se stesso. La violenza, come un tornado, travolge anche quanti stanno attorno.
Nel caso di Cattolica, a essere stati travolti sono anche i figli della coppia, vittime di violenza assistita come tanti bambini e bambine figli/e di donne che subiscono violenza. I tornado sono fenomeni naturali che è quasi impossibile prevedere e arginare. La violenza sulle donne, il femicidio, la violenza assistita sono invece fenomeni sociali ormai noti, studiati, analizzati. Quante vite devono ancora essere travolte e estinte perché vedano la luce politiche di prevenzione e un Piano nazionale contro la violenza? Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell'Emilia-Romagna, ricordando la tragedia di Cattolica, sottolinea che questo è il terzo caso di femicidio in regione dall'inizio dell'anno. L'Emilia-Romagna non è estranea alla violenza, così come non lo è nessuna/o di noi.
L'intervento non deve essere solo di emergenza o assistenziale e non deve riguardare solo le donne. Dai programmi di prevenzione del bullismo sessista nelle scuole ai programmi di recupero per uomini violenti, molto può essere fatto per prevenire e contrastare la violenza contro le donne. Anche usare le parole giuste e far luce, con un termine, sul fenomeno del femicidio, sulle sue cause e sulle sue conseguenze.

Coordinamento dei Centri antiviolenza dell'Emilia-Romagna
• Casa delle donne per non subire violenza - Bologna
• Vivere Donna - Carpi
• SOS Donna Onlus - Faenza
• Centro Donna Giustizia - Ferrara
• Trama di Terre - Imola • Demetra Donne in aiuto Onlus - Lugo
• Casa delle donne contro la violenza - Modena
• Centro Antiviolenza Onlus - Parma
• La Città delle Donne - Piacenza
• Linea Rosa Onlus - Ravenna
• Rompi il silenzio Onlus - Rimini
• Nondasola - Reggio Emilia
• Sos Donna – Bologna

Condividi

L'Appello

Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza 

Pensavamo che l'uccisione di Fabiana, bruciata viva dal fidanzato sedicenne, esprimesse un punto di non ritorno. Invece no. L'insulto che è stato rivolto alla ministra Cécile Kyenge – da un'altra donna – dice molto più di quanto non vogliamo ammettere. E di fronte ad una violenza verbale simile, non ci sono scuse o giustificazioni che tengano. Noi non siamo mai state silenziose, abbiamo sempre denunciato questi fatti, le violenze fisiche e quelle verbali. Ma non basta. Leggi

Newsletter

banner anarkikka

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito