Home

ALTRAECONOMIA: COPERTINA SULLA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

tiziana-vive.jpgMilano, 1° ottobre 2014

Il femminicidio è, nel mondo, la prima causa di morte per le donne tra il 17 e i 44 anni. In Italia, nel 2013, ci sono stati ben 134 casi. Una di loro, uccisa dal marito nel luglio 2013, era Tiziana. Il fratello - Damiano- ha scelto di rispondere alla violenza fondando un'associazione, di reagire di fronte alla guerra che gli è entrata in casa dando vita a "Tiziana vive" .

Altreconomia è stata a Landriano, nel pavese, ad intervistare le operatrici dell'ambulatorio gestito dall'associazione (di cui Ae è parte), che si chiama "Ascoltare la vita", i cui obiettivi sono la prevenzione e l'assistenza psicologica. E Damiano Rizzi la sua storia -tra pubblico e privato- l'ha raccontata in un libro, "La guerra a casa" (Altreconomia edizioni). Nel nuovo numero di ottobre di Altreconomia: la copertina è dedicata a "Tiziana Vive", una rete di sicurezza e prevenzione, contro i femminicidi. Con due approfondimenti sulle riforme "annunciate" dal governo, quelle del sistema giustizia e del Terzo settore.

https://www.facebook.com/altreconomia

Condividi

L'Appello

Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza 

Pensavamo che l'uccisione di Fabiana, bruciata viva dal fidanzato sedicenne, esprimesse un punto di non ritorno. Invece no. L'insulto che è stato rivolto alla ministra Cécile Kyenge – da un'altra donna – dice molto più di quanto non vogliamo ammettere. E di fronte ad una violenza verbale simile, non ci sono scuse o giustificazioni che tengano. Noi non siamo mai state silenziose, abbiamo sempre denunciato questi fatti, le violenze fisiche e quelle verbali. Ma non basta. Leggi

Newsletter

banner anarkikka

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito