Home

Sciopero delle donne. Cinesi

2011_12_21_grabb_10205_0_rsz.jpgA metà aprile dell’anno scorso centinaia di operaie di una fabbrica di giocattoli della provincia di Guangdong, tutte emigrate dalla zona rurale, hanno occupato lo stabile affinché il proprietario non chiudesse la fabbrica senza dar loro un adeguato compenso. Tradizionalmente in questa provincia le donne, assunte per la loro presunta docilità e acribia, sono di gran lunga più numerose degli uomini nei settori produttivi ad alta intensità di manodopera. Ma negli ultimi tempi, spiega l’Economist, le cose stanno cambiando: al venire meno della grande disponibilità di lavoratori a basso costo, i direttori delle fabbriche cercano di tenersi strette le loro operaie. Parallelamente molte lavoratrici si sono trasferite nelle città, dove hanno acquisito maggiore istruzione e consapevolezza dei loro diritti. Comincia quindi, finalmente, a declinare lo stereotipo della passività femminile nelle grandi fabbriche.

Le donne hanno ancora un’educazione inferiore rispetto agli uomini (mediamente studiano un anno in meno e si fermano alle scuole primarie o ai primi anni delle secondarie), ma lo scarto sta diminuendo. Leslie Chang, giornalista Americana, in un report sulle donne di Dongguan, ha scritto che “le donne sono più motivate a cercare di migliorare se stesse e considerare di emigrare per avere maggiori prospettive di vita”.

Le donne stanno acquisendo un ruolo sempre più importante nell’attivismo e nelle rivendicazioni politiche: durante le proteste nelle fabbriche di giocattoli di Shenzhen, tra il personale sono state scelte come rappresentanti per condurre le trattative tre donne su cinque; nei primi tre mesi dell’anno scorso circa un quinto degli scioperi a Guangdong hanno visto protestare in maggioranza lavoratrici. Le donne sono anche quelle che più hanno diffuso foto e notizie sul web. Tra i loro slogan “Cattivo direttore, ridacci indietro la nostra gioventù!”. (http://ingenere.it/news/anche-le-donne-cinesi-scioperano)

Condividi

L'Appello

Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza 

Pensavamo che l'uccisione di Fabiana, bruciata viva dal fidanzato sedicenne, esprimesse un punto di non ritorno. Invece no. L'insulto che è stato rivolto alla ministra Cécile Kyenge – da un'altra donna – dice molto più di quanto non vogliamo ammettere. E di fronte ad una violenza verbale simile, non ci sono scuse o giustificazioni che tengano. Noi non siamo mai state silenziose, abbiamo sempre denunciato questi fatti, le violenze fisiche e quelle verbali. Ma non basta. Leggi

Newsletter

banner anarkikka

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito