Home

Non le Pari Opportunità, ma i Pari Diritti

di Giancarla Codrignani

Amiche sempre care,
possiamo essere desolate, ma i presupposti dei femminicidi sono complessi. Pur essendone consapevoli, crediamo ancora che il fidanzato che ci ha dato uno schiaffo, sarà un buon marito.
Lo scarto da 335 "no" a 344 (e da 227 "sì" a 214) nel respingere due emendamenti a beneficio del genere, segnala che gli uomini non hanno paura della nostra emancipazione ma dell'attentato al loro potere, che incomincia nella coppia e finisce nel diritto. Purtroppo, anche molte giuriste (tutte studiamo sugli stessi libri e applichiamo le stesse leggi) sono d'accordo con la condanna delle quote rosa, termine orrendo, non inventato da noi. Prima o poi dovremo fare i conti con l'interpretazione della Costituzione e rivendicare che il sesso dell'art. 3 deve essere giuridicamente inteso come genere (e i generi sono fondanti di tutte le differenze sociali, non possono esserlo delle discriminazioni attualmente sconosciute in diritto). Bisognerà affrontare una contraddizione consapevolmente voluta da parlamentari donne e uomini di tutte le parti nel riformare l'art.51, il 7 marzo 2002, quando un voto plebiscitario convalidò l'omaggio alle donne del governo Berlusconi autore della riforma: "la Repubblica favorisce le pari opportunità" per l'accesso alle cariche elettive. Eh no, mie care: la Repubblica non doveva favorire ma garantire, non le pari opportunità, ma i pari diritti. Perché, tra l'altro, siamo il 52 % dell'elettorato e la maternità (o la non-maternità) non è ancora un diritto e, anche se la legge ci eroga benefici, siamo percepite come cattivi lavoratori se restiamo incinte. Disgraziatamente gran parte del mondo femminile si riconosce negli stereotipi familisti e mediatici, ignara di essere un genere e non una variante biologica.
L' emendamento respinto con lo scarto aumentato (poi nuovamente abbassato per il terzo emendamento che si accontentava del 60 %) era relativo alle quote per i capilista. Era "il" punto nodale. Infatti il 50/50 di governo non sposta quasi nulla: se una di noi va a Bruxelles a discutere la situazione ucraina, importa poco che si1-a-galleria-milano-2378323 650x0a un ministro o una ministra. Ma è dal basso che si può eliminare il pregiudizio che le donne non votano le donne e incominciare la risalita. E non partendo dalle preferenze (che possono diventare clientelari, mentre poche donne hanno i mezzi e perfino la voglia delle pratiche mercantili), ma su chi è in testa alle liste. Sarebbero accontentati anche i meritocratici: le donne sono più affidabili per capacità e dedizione. Finora, tuttavia, le grandi città, le regioni, le segreterie di partito sono o maschili o affidate a donne scelte perché stanno dentro il modello neutro. Quindi brutta giornata quella di ieri. Ma illuminante. Speriamo che il femminicidio cessi, almeno quello istituzionale; per rispetto dello spirito di una Costituzione che deve viaggiare nel tempo accrescendo la democrazia.

 

Condividi

L'Appello

Scioperiamo. Per fermare la Cultura della violenza 

Pensavamo che l'uccisione di Fabiana, bruciata viva dal fidanzato sedicenne, esprimesse un punto di non ritorno. Invece no. L'insulto che è stato rivolto alla ministra Cécile Kyenge – da un'altra donna – dice molto più di quanto non vogliamo ammettere. E di fronte ad una violenza verbale simile, non ci sono scuse o giustificazioni che tengano. Noi non siamo mai state silenziose, abbiamo sempre denunciato questi fatti, le violenze fisiche e quelle verbali. Ma non basta. Leggi

Newsletter

banner anarkikka

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy.

Acconsento all'utilizzo dei cookies su questo sito